Area Riservata |

Riscriviamo tutti assieme le regole del nostro Paese

Siamo un Movimento per l'evoluzione e lo sviluppo del nostro Paese

Partecipa al cambiamento

 

Le Professioni per l'Italia è un movimento politico di professionisti e competenze eccellenti che si mette a disposizione del cittadino per portare al Governo i progetti per attivare l'Italia!

Le Professioni per l'Italia è un movimento politico

       -    apartitico, sostiene i partiti che presentano i progetti

       -    nazionale, presente con organizzazioni regionali

       -    nuovo, perchè non è legato al vecchio modo di fare politica

       -    innovativo nelle idee e negli strumenti

       -    concreto, perchè si basa su progetti concreti

       -    partecipativo al cambiamento e all'evoluzione del Paese

 

Ci rivolgiamo a tutti i cittadini per stimolarli e coinvolgerli. Affinchè possano essere loro la fucina delle idee del movimento

 

Partecipa al cambiamento ed all'evoluzione dell'Italia, non lasciare che altri scelgano per Te.


NOTIZIE

Attiviamoci per rilanciare i settori strategici del Paese

Oltre un centinaio di aderenti al movimento Le Professioni per l’Italia si sono dati appuntamento il 20 maggio al Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, in occasione del convegno “Impresa e Professioni - Progetti e Proposte per rilanciare i settori strategici del Paese”, per discutere sulle 8 proposte d’azione “per attivare l'Italia”, lanciate dai promotori, da portare all’attenzione del Governo nazionale. Molto apprezzato l’intervento dell’Avv. Maurizio De Tilla, presidente di LPI, che ha ricordato con toni appassionati il ruolo fondamentale per il rilancio del sistema Paese delle “professioni” e, più in generale, della “classe media” imprenditoriale, portatrice di esperienze e competenze indispensabile per superare l’attuale crisi nazionale. Tra gli altri interventi, moderati dal giornalista-saggista Lorenzo Del Boca, da segnalare quello di Agostino Ghiglia, assessore alla Ricerca e Innovazione della Regione Piemonte che ha anche portato il saluto della Giunta regionale, dell'Avv. Mauro Ferrari, presidente Area Componentistica ANFIA, del consigliere del Ministro delle Infrastrutture Bartolomeo Giachino e dell’Ing. Pierluigi Biondi di Magneti Marelli. Applauditissimo l’intervento finale del Dott. Marco Petrone, presidente di TSP Association, che ha rimarcato la necessità storica di un “cambio di passo”, anche in termini di velocità nell’attuazione delle riforme più strategiche, realizzabile anche attraverso una maggiore apertura verso le nuove generazioni in un’ottica di dialogo e di interazione positiva con l’attuale classe dirigente politica e non solo. 

 

Carenza, non eccesso di leadership

Carenza, non eccesso di leadership

Proporsi come leader non basta. Bisogna esserlo.

E per esserlo occorrono requisiti e alte qualità. È questa una delle ragioni della crisi di democrazia. Manca una guida illuminata che affidi la propria capacità di guida a saggezza, cultura e senso dello Stato.

Non è questa l’immagine che i nostri leader danno frequentemente.

... (leggi tutto)

Tempi lumaca per le grandi opere

I tempi per la esecuzione delle grandi opere sono sempre più lunghi. La permanenza e la lunghezza facilitano le ruberie e l’incremento dei costi.

Più un’opera dura, più costa.

 

 

Per una più trasparente attività di lobbying

Per una più trasparente attività di lobbying

Alcuni principi sono stati segnalati e raccomandati per disciplinare l’attività di lobbying. Anzitutto la istituzione, da parte del Governo, di un registro pubblico dei lobbisti, garantito da un’autorità super partes (per esempio l’Autorità anticorruzione) e obbligatoria. Altra prescrizione è l’apertura al pubblico del processo legislativo, soprattutto nelle prime fasi e nel passaggio alle commissioni parlamen... (leggi tutto)

Tante misure per così poco

Alberto Alesina e Francesco Giavazzi sul Corriere della Sera hanno osservato che le tante misure che adotta il Governo spesso non approdano a nulla (o quasi).

Con la legge di stabilità la pressione fiscale passa dal 43,3 per cento nel 2014 al 43,2 per cento nel 2015, cioè rimane invariata.

La legge di stabilità elimina dalla base imponibile dell’IRAP il costo del lavoro per dipendenti con contratti a tempo indeterminato. Allo stesso tempo cancella la rid... (leggi tutto)

Ricerca sotto inchiesta?

Ricerca sotto inchiesta?

Non si può non sostenere ogni azione che tenda a finanziare e rinvigorire la ricerca. Formazione, innovazione, ricerca solo le parole magiche per lo sviluppo e la crescita di un Paese.

La ricerca deve approdare a risultati certi e consolidati. Ma anche qui non sono mancati falsi risultati e studi inattendibili.

Occorre, infatti, indagare fortemente sulle manipolazioni nei lab... (leggi tutto)