Area Riservata |

Riscriviamo tutti assieme le regole del nostro Paese

Siamo un Movimento per l'evoluzione e lo sviluppo del nostro Paese

Partecipa al cambiamento

 

Le Professioni per l'Italia è un movimento politico di professionisti e competenze eccellenti che si mette a disposizione del cittadino per portare al Governo i progetti per attivare l'Italia!

Le Professioni per l'Italia è un movimento politico

       -    apartitico, sostiene i partiti che presentano i progetti

       -    nazionale, presente con organizzazioni regionali

       -    nuovo, perchè non è legato al vecchio modo di fare politica

       -    innovativo nelle idee e negli strumenti

       -    concreto, perchè si basa su progetti concreti

       -    partecipativo al cambiamento e all'evoluzione del Paese

 

Ci rivolgiamo a tutti i cittadini per stimolarli e coinvolgerli. Affinchè possano essere loro la fucina delle idee del movimento

 

Partecipa al cambiamento ed all'evoluzione dell'Italia, non lasciare che altri scelgano per Te.


NOTIZIE

Attiviamoci per rilanciare i settori strategici del Paese

Oltre un centinaio di aderenti al movimento Le Professioni per l’Italia si sono dati appuntamento il 20 maggio al Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, in occasione del convegno “Impresa e Professioni - Progetti e Proposte per rilanciare i settori strategici del Paese”, per discutere sulle 8 proposte d’azione “per attivare l'Italia”, lanciate dai promotori, da portare all’attenzione del Governo nazionale. Molto apprezzato l’intervento dell’Avv. Maurizio De Tilla, presidente di LPI, che ha ricordato con toni appassionati il ruolo fondamentale per il rilancio del sistema Paese delle “professioni” e, più in generale, della “classe media” imprenditoriale, portatrice di esperienze e competenze indispensabile per superare l’attuale crisi nazionale. Tra gli altri interventi, moderati dal giornalista-saggista Lorenzo Del Boca, da segnalare quello di Agostino Ghiglia, assessore alla Ricerca e Innovazione della Regione Piemonte che ha anche portato il saluto della Giunta regionale, dell'Avv. Mauro Ferrari, presidente Area Componentistica ANFIA, del consigliere del Ministro delle Infrastrutture Bartolomeo Giachino e dell’Ing. Pierluigi Biondi di Magneti Marelli. Applauditissimo l’intervento finale del Dott. Marco Petrone, presidente di TSP Association, che ha rimarcato la necessità storica di un “cambio di passo”, anche in termini di velocità nell’attuazione delle riforme più strategiche, realizzabile anche attraverso una maggiore apertura verso le nuove generazioni in un’ottica di dialogo e di interazione positiva con l’attuale classe dirigente politica e non solo. 

 

In Germania si propone di eliminare il reato di incesto

Il Consiglio Etico tedesco ha proposto al Governo di depenalizzare il reato di incesto nel caso che il rapporto sia consensuale e tra maggiorenni.

La scelta dello Ethikrat è stata sofferta e a maggioranza: i giuristi hanno votato in 14 contro 9.

La scelta è infatti fortemente contestata.

I favorevoli alla proposta hanno rilevato che in Francia e in Spagna l’incesto non è reato.

... (leggi tutto)

Referendum e leggi confuse e incomprensibili

Referendum e leggi confuse e incomprensibili

In Italia è tutto più complicato. I quesiti del referendum italiano sono quasi incomprensibili.

I cittadini non vanno spesso a votarli in quanto non ne capiscono il contenuto.

In Scozia la recente chiamata alle urne è avvenuta su una semplice domanda: “La Scozia dovrebbe essere una nazione indipendente?”.

Rigua... (leggi tutto)

Una riforma della giustizia fatta contro i magistrati?

Una riforma della giustizia fatta contro i magistrati?

Il Presidente del Senato Pietro Grasso in un’intervista rilasciata alla Stampa ha affermato che “la riforma della giustizia non va fatta contro i magistrati”.

Sul principio siamo d’accordo con il Presidente Grasso,

Anche se non riteniamo che la recente riforma sulla Giustizia - che si fonda molto sul contributo positivo degli avvocati - abbia una finalit&agra... (leggi tutto)

Musicoterapia in carcere

Musicoterapia in carcere

Romina Ciuffa ci ricorda nello “Specchio Economico” che musicoterapia in carcere significa tanto il fare musica quanto l’ascoltarla. Tra i più noti casi si ricorda “Rock in Rebibbia” trasmissione di Mtv che ha coinvolto in un reality show i detenuti del Nuovo Complesso della prigione romana.

Vi sono altri esempi di rock carcerario nella storia della musica: Johnny Cash, presso il Folso... (leggi tutto)

L’avvocato superspecialista

L’avvocato superspecialista

Lo schema di decreto per le specializzazioni forensi è stato approvato dal Consiglio di Stato ed è all’esame delle Commissioni Giustizia della Camera e del Senato. Non poche sono le critiche sulle limitazioni ingiustificate, sul numero enorme (50) di incarichi per mantenere il titolo, sulle contraddizioni nell’accreditamento, sulla svalutazione del titolo nell’ipotesi di sostanziale acquisizione per anzianità, sull’i... (leggi tutto)