Area Riservata |

Riscriviamo tutti assieme le regole del nostro Paese

Siamo un Movimento per l'evoluzione e lo sviluppo del nostro Paese

Partecipa al cambiamento

 

Le Professioni per l'Italia è un movimento politico di professionisti e competenze eccellenti che si mette a disposizione del cittadino per portare al Governo i progetti per attivare l'Italia!

Le Professioni per l'Italia è un movimento politico

       -    apartitico, sostiene i partiti che presentano i progetti

       -    nazionale, presente con organizzazioni regionali

       -    nuovo, perchè non è legato al vecchio modo di fare politica

       -    innovativo nelle idee e negli strumenti

       -    concreto, perchè si basa su progetti concreti

       -    partecipativo al cambiamento e all'evoluzione del Paese

 

Ci rivolgiamo a tutti i cittadini per stimolarli e coinvolgerli. Affinchè possano essere loro la fucina delle idee del movimento

 

Partecipa al cambiamento ed all'evoluzione dell'Italia, non lasciare che altri scelgano per Te.


NOTIZIE

Attiviamoci per rilanciare i settori strategici del Paese

Oltre un centinaio di aderenti al movimento Le Professioni per l’Italia si sono dati appuntamento il 20 maggio al Centro Congressi dell’Unione Industriale di Torino, in occasione del convegno “Impresa e Professioni - Progetti e Proposte per rilanciare i settori strategici del Paese”, per discutere sulle 8 proposte d’azione “per attivare l'Italia”, lanciate dai promotori, da portare all’attenzione del Governo nazionale. Molto apprezzato l’intervento dell’Avv. Maurizio De Tilla, presidente di LPI, che ha ricordato con toni appassionati il ruolo fondamentale per il rilancio del sistema Paese delle “professioni” e, più in generale, della “classe media” imprenditoriale, portatrice di esperienze e competenze indispensabile per superare l’attuale crisi nazionale. Tra gli altri interventi, moderati dal giornalista-saggista Lorenzo Del Boca, da segnalare quello di Agostino Ghiglia, assessore alla Ricerca e Innovazione della Regione Piemonte che ha anche portato il saluto della Giunta regionale, dell'Avv. Mauro Ferrari, presidente Area Componentistica ANFIA, del consigliere del Ministro delle Infrastrutture Bartolomeo Giachino e dell’Ing. Pierluigi Biondi di Magneti Marelli. Applauditissimo l’intervento finale del Dott. Marco Petrone, presidente di TSP Association, che ha rimarcato la necessità storica di un “cambio di passo”, anche in termini di velocità nell’attuazione delle riforme più strategiche, realizzabile anche attraverso una maggiore apertura verso le nuove generazioni in un’ottica di dialogo e di interazione positiva con l’attuale classe dirigente politica e non solo. 

 

Braccialetti elettronici finiti

Braccialetti elettronici finiti

I braccialetti elettronici non sono gioielli, ma sono delle semplici cavigliere che servono a controllare i detenuti quando sono fuori dal carcere perché autorizzati.

Ogni braccialetto elettronico costa cinquemilacinquecento euro l’uno.

Prima si pagava molto di più. Complessivamente sono stati spesi più di 80 milioni di euro. E vi sono stati parecchi sprec... (leggi tutto)

Reyhaneh impiccata in Iran

In Iran è stata impiccata una donna che si difese ed uccise il suo stupratore. Il web del mondo intero non è riuscito ad evitare l’esecuzione della condanna a morte.

Reyhaneh è morta a 26 anni. A 19 anni era stata stuprata nella intimità e violentata nella dignità, poi rinchiusa per cinque anni nel braccio della morte di una prigione nei pressi di Teheran, perché aveva ucciso il suo aggressore. La ragazza aveva osato ribellarsi all’abuso sessuale di un ex dipendente ... (leggi tutto)

Sentenze brevi e stop al filtro in appello del processo civile

Sentenze brevi e stop al filtro in appello del processo civile

Sono state programmate ulteriori modifiche del processo civile.

Le ultime riguardano la revisione della fase di trattazione e discussione, la conciliazione ad opera del giudice, l’abolizione del filtro in appello.

A ciò si aggiunge la codificazione degli orientamenti giurisprudenziali, la tipizzazione dei motivi di impugnazione, l’utilizzazione più diffusa ... (leggi tutto)

Bisogna credere di più nella negoziazione assistita per separazioni e divorzio

Troppo bassa la utilizzazione della negoziazione assistita per le separazioni e i divorzi. La procedura di conciliazione cogestita dagli avvocati è stata richiesta da 10 coppie a Torino, 15 a Milano, 30 a Roma, 35 a Genova.

Di contro il vecchio modo di separarsi o divorziare ha registrato 188 casi a Torino, 264 a Milano, 580 nella capitale e 150 nel capoluogo ligure. Ciò è dipeso in parte rilevante dalla impossibilità reale di portare i coniugi in conciliazione. Ci sono liti tra i coniugi che... (leggi tutto)

La Robin Tax è incostituzionale

La Consulta ha sancito che la Robin Tax non rispetta la Costituzione. La decisione non avrà effetti retroattivi. Ma varrà per il futuro. Società petrolifere e energetiche non dovranno più versare alcuna addizionale IRES. Alla base della decisione della Consulta, vi sono tre ragioni: la Robin Tax grava non sugli extra profitti ma su tutto il reddito prodotto; l’addizionale, nata per fronteggiare una congiuntura economica eccezionale, è diventata strutturale; non sono previsti meccanismi in grado di permettere che gli on... (leggi tutto)